Il “giro di boa” dell’inverno è già superato, iniziano a far capolino le prime giornate dal sapore primaverile e hai deciso che una piscina in casa è la soluzione a km0 per soddisfare la tua voglia di divertimento estivo.
E, passando dal dire al fare, ora ti stai chiedendo qual è il periodo migliore per l’avvio della sua costruzione.

Non esiste un momento ideale valido per ogni situazione, ma è bene prendere in considerazione alcune variabili importanti per scegliere quando iniziare i lavori.

Le stagioni fanno ancora la differenza?

Se, come dice il proverbio “non ci sono più le mezze stagioni” ed è sempre più difficile distinguere il passaggio dall’una all’altra, l’inverno rimane ancora la stagione più fredda dell’anno e la meno adatta per l’inizio dei lavori, soprattutto se abiti nel Nord Italia o in una regione caratterizzata da inverni molto rigidi.
Neve e gelo rendono più difficoltose le fasi di scavo del terreno e potrebbero concorrere a dilungare i tempi di realizzazione della tua piscina.

L’inizio della primavera può essere il periodo più indicato per iniziare i lavori e ottimizzare i tempi di utilizzo della piscina, che così non rimarrà inutilizzata per troppi giorni prima dell’arrivo dell’estate.
Ma non l’unico.

Se, ad esempio, è più utile per te iniziare i lavori a fine estate, guardando il lato positivo, avrai più tempo per studiare come personalizzare e accessoriare il tuo paradiso acquatico, in vista dell’inaugurazione l’anno successivo.

Il momento migliore

In definitiva possiamo dire che, grazie alla tecnologia delle tecniche di costruzione e dei materiali utilizzati, il momento migliore lo decidi tu: l’importante è affidarsi a esperti competenti, che sappiano darti tutti gli strumenti per definire per tempo tutti i particolari della tua piscina.

I tempi di realizzazione

Dall’inizio dei lavori alla consegna della piscina il tempo necessario è meno di quanto ti aspetti: la tecnologia delle tecniche di scavo e delle tecniche di costruzione delle piscine interrate ha fatto grandi passi in avanti, migliorando le fasi di progettazione e riducendo i costi, arrivando a stimare, in alcuni casi, 3 settimane di lavoro.

Il periodo più lungo è però quello che precede l’avvio vero e proprio della costruzione: è il tempo della scelta, quello in cui le aspettative prendono corpo nella definizione del modello, degli accessori, delle luci, dei colori e della pavimentazione e il gusto estetico scende a compromesso con la previsione delle modalità di utilizzo della piscina, senza dimenticare gli aspetti burocratici legati alle autorizzazioni necessarie per l’avvio della costruzione.

Affidarsi al supporto di esperti competenti in materia è fondamentale per una valutazione completa dei tempi complessivi, che tengano conto di tutte le fasi decisionali:

  • Preventivo
  • Progettazione
  • Realizzazione
  • Monitoraggio dei lavori di costruzione

Contatta Giambenini per un preventivo gratuito e senza impegno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *