L’inverno è ormai alle porte e all’abbassarsi delle temperature aumentano le preoccupazioni
per il proprio giardino e la paura di vederlo spoglio e trascurato. Adottando i giusti
accorgimenti è possibile mantenere vivo il proprio giardino anche durante l’inverno.

COME SALVAGUARDARE IL GIARDINO D’INVERNO?

Il ciclo della natura vuole che le piante riposino durante la stagione fredda per non affrontare
i loro più grandi nemici: le basse temperature, la neve e la pioggia.
L’autunno e l’inverno sono due periodi dell’anno caratterizzati dalla quiete della vegetazione,
ma non per questo è possibile trascurare la cura del proprio giardino. L’attenzione a
quest’area verde crea le giuste condizioni per non compromettere la fioritura all’arrivo della
primavera.

Il primo step da eseguire durante il cambio della stagione, quando gli alberi perdono tutto il
loro fogliame, è opportuno potare le siepi ed eliminare le erbacce e i rami secchi. Questo
procedimento consente al terreno di respirare ed evita il ristagno dell’acqua piovana che può
provocare la nascita di muschio e parassiti, che rappresentano un ulteriore pericolo per le
nostre piante.

Lo step successivo riguarda l’irrorazione e il nutrimento del terreno del proprio giardino, è
bene spegnere l’impianto d’irrigazione e svuotare le tubazioni, con un buon concime che
assicuri la corretta dose di sostanze nutritive e di sali minerali utili miglioriamo e rafforziamo
il terreno.
Eseguendo attentamente tutti questi consigli, potrai proteggere il giardino durante l’inverno,
dando un solido contributo alla fioritura dell’anno successivo.

GIARDINO BELLO ANCHE IN INVERNO

Anche d’inverno il tuo giardino può essere vivo e bello. Per suscitare emozioni durante la
stagione fredda l’utilizzo delle eleganti graminacee abbinate alle perenni con rami colorati è
la scelta giusta per rendere lo spazio vivo. Le fioriture però non possono mancare, inserire
piante resistenti a fioritura tardiva come Eriche o Ellebori aiuta a rendere l’ambiente esterno
sempre piacevole.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *