Tree climbing: La corretta potatura delle alberature

Il tree climbing a Verona eseguito dall'azienda Giambenini

Hai mai sentito parlare del tree climbing? Probabilmente ti sarai chiesto come potare quell’albero ad alto fusto, o come arrivare in quel punto scomodo del tuo giardino ma anche del cortile del tuo ufficio o del tuo condominio. La risposta è scegliere un treeclimber professionista che con la giusta attrezzatura da tree climbing potrà raggiungere in modo non invasivo, e più economico rispetto al noleggio di impalcature, tutti i punti d’intervento.

Lo scopo di eseguire una potatura attenta non è solo quello di rendere esteticamente accattivante l’albero. Lo scopo è quello di avere una chioma stabile andando ad intervenire sulla “disposizione” dei rami in funzione sia delle esigenze antropiche, nel caso in cui si effettui un intervento in aree urbane o condominiali, sia che in luoghi “aperti” come giardini e parchi sia pubblici che privati.

La sicurezza prima di tutto! Sia in fase di esecuzione che come risultato finale, lo scopo principale è quello di garantire da un lato la salute della pianta a prescindere dalla fase del suo ciclo di vita, e dall’altro la sicurezza delle persone in quanto una pianta con parti di chioma instabili può diventare un serio problema per la sicurezza di cittadini, passanti e condomini.

Potatura alberi: cosa significa eseguirne una

Andare a potare gli alberi significa rimuovere e/o ridurre porzioni di rami morti, danneggiati, instabili, codominanti, di quelli che “invadono” lo spazio degli alberi vicini, inibendo il loro corretto sviluppo.

La pianta indica bene il punto in cui andare ad eseguire il taglio (collare o taglio di ritorno), si evidenzia quindi la necessità di delegare questa operazione a chi conosce perfettamente le piante, in quanto il loro linguaggio deve essere “letto” e decodificato correttamente al fine di eseguire nelle tempistiche e modalità opportune gli interventi del caso. 

La potatura con il tree climbing a Verona eseguito dall'azienda Giambenini

Le buone pratiche del treeclimber

Va tenuto debito conto del fatto che un cattivo intervento può peggiorare ulteriormente la salute dell’albero ed in generale amplificare il problema iniziale.

Facendo l’esempio dei rami secchi, questi si sviluppano prevalentemente all’interno della “chioma”, dove arriva minor luce solare. Ne consegue che per una corretta rimozione di questi rami, data la loro posizione, scegliere il tree climbing è certamente la soluzione migliore per garantire il raggiungimento di tutti i punti e rami nei confronti dei quali si necessita l’intervento.

Come si potano gli alberi

Quando parliamo di potatura alberi va tenuto presente l’intero ciclo di vita dell’albero. Parliamo infatti di quattro fasi:

  • fase giovanile
  • fase adulta
  • fase di senescenza
  • senescenza avanzata

Ciascun intervento va eseguito in modo tale da rispettare la ciclicità della pianta, con l’intento di eseguire un buon lavoro e di conseguenza evitare i ricacci negli alberi. In tal senso un lavoro ben eseguito è garanzia anche di risparmio economico, poiché gli interventi successivi saranno meglio distribuiti nel tempo.

Esistono diverse tecniche per potare gli alberi, alcune sono di tipo “ordinario” che si eseguono su una pianta sana; altre vengono messe in atto per salvare una pianta che è malata e quindi richiede un intervento di tipo “straordinario”.

Facciamo due esempi: la capitozzatura e la speronatura.

Capitozzatura (o pollarding) e rami epicormici 

Questo tipo di intervento è da evitare quanto più sia possibile in quanto viene definito distruttivo. L’albero infatti viene ridotto ad un moncone, un “attaccapanni” privato di tutti i suoi rami. Oltre al danno estetico palese di avere un albero troncato, c’è da tenere in forte conto l’indebolimento conseguente a questo intervento.

Nei casi in cui tale intervento è invece necessario, vanno attuate delle accortezze volte alla protezione del fusto (o quel che resta) dell’albero con resine e cere apposite, cui obiettivo è quello di evitare che i funghi possano intaccare l’anima dell’albero stesso causando l’insorgenza di un fenomeno denomitato carie.

Oltre a questo problema derivato dall’azione di “agenti esterni“, va sottolineato che anche l’albero stesso attua una risposta immediata a questo intervento. Come ben si sa l’albero ha bisogno di foglie (di verde) per attuare la fotosintesi, dunque inizierà a produrre una “vegetazione di emergenza” detta epicormica. Questa reazione sebbene possa sembrare positiva, origina dei rami fragili che con il tempo incorreranno molto più facilmente a rotture.

Il costo energetico della pianta è indicibilmente elevato in quanto per produrre in maniera rapida e massiva questa mole di rami epicormici, preleva risorse dal proprio tronco e radici le quali non sono rigenerabili. Questo porterà conseguentemente ad avere una pianta debole tanto a livello aereo che radicale.

Speronatura albero

Verrà da chiedersi come mai allora si intervenga ancora con un’azione così significativa per l’albero. Tipicamente serve da correzione per capitozzature precedenti mal eseguite, che a loro volta erano state scelte come soluzione di emergenza per non scegliere lo sradicamento e sostituzione della pianta stessa.

Un’altra tecnica di potatura degli alberi, che si affianca alla capitozzatura e la supera per “radicalità d’intervento” è quella della speronatura. La tecnica della speronatura consiste nel rilascio di monconi di ramificazioni più o meno lunghi nell’ambito delle basi di potatura pregressa; insomma il “come si pota un albero” non è cosa da improvvisare.

Potatura alberi alto fusto

Una ulteriore problematica potrebbe invece essere quella di raggiungere i rami più alti di alberature ad alto fusto. Potrebbe darsi il caso che l’altezza è significativamente elevata tanto da inibire l’uso di tecniche tradizionali, ecco perché diventa necessario affidarsi a metodi alternativi come lo è il tree climbing.

Con il tree climbing risparmi sui costi di noleggio mezzi elevatori e ti garantisci un servizio più accurato in quanto consente una libertà di movimento più elevata al treeclimber che esegue il lavoro.

Per i tuoi alberi scegli di affidarti a chi conosce bene questo mondo; prenditi cura del tuo verde affidandoti all’esperienza di Giambenini.

Tree climbing Verona

La nostra azienda si occupa di manutenzione parchi e giardini e abbiamo sede a Verona, scrivici per ricevere un preventivo su misura per te.

Leggi altri articoli sul mondo dei giardini

Richiedi un sopralluogo gratuito

Compila il form qui sotto e richiedi un sopralluogo gratuito, e progetta la tua piscina avvalendoti dell’esperienza di un progettista esperto.

Ci occupiamo di progettazione piscine a Verona e provincia, ma siamo attivi in tutto il nord Italia. 

Scrivici per informazioni o sopralluoghi