Il cloroshock per la manutenzione della piscina

Trattamento di clorazione shock – Il passaggio fondamentale da fare all’apertura piscina

Aprire la piscina comporta una serie di interventi volti a ripristinare lo stato di salute della piscina dopo il riposo invernale, ma soprattutto dell’acqua. La scelta migliore da questo punto di vista, è certamente quella di eseguire un trattamento di clorazione shock altrimenti detto superclorazione.

Cos’è il trattamento di clorazione shock o superclorazione?

La superclorazione o clorazione d’urto, viene così chiamata in funzione della quantità di cloro che viene aggiunta all’acqua, che è generalmente raddoppiata rispetto al normale.

Certamente la quantità di cloro aggiunta è influenzata da diversi fattori, tra cui ovviamente la tipologia di prodotto e la situazione iniziale dell’acqua sulla quale si va ad intervenire.

Il trattamento cloro shock è un processo, utile a disinfettare completamente ed efficacemente la piscina, tipicamente quando la si riapre dopo l’inverno ma anche al bisogno nel corso dell’anno.

PREVENTIVO GRATUITO

Trattamento acqua piscina

Nonostante l’utilizzo di robot pulitori della piscina, infatti esistono delle parti che comunque sfuggono a questa manutenzione meccanica. Quindi è assolutamente consigliato intervenire in maniera chimica in modo da eliminare ogni impurità e sterilizzare efficacemente tutte le parti e le componenti della tua piscina.

L’ossigeno presente nell’acqua della piscina contribuisce alla proliferazione biologica all’interno della vasca. Tale proliferazione è da intendersi tanto a livello microbiologico (invisibile) che di alghe (visibile). Ecco perché al fine di avere un’acqua sicura, è opportuno effettuare a inizio stagione la manutenzione piscina di routine, in abbinamento al trattamento di clorazione piscine.

Trattamenti piscina e controlli

Mettere in pratica questo importante step però non è da intendersi come esaustivo per l’intera stagione estiva.

Trattamenti al cloro, specie in piscine di grandi dimensioni, vanno ripetuti ogni quindici giorni e in generale in caso di necessità.

Al termine di ogni intervento di pulizia chimica si consiglia di effettuare le opportune misurazioni dei livelli dell’acqua, primo fra tutti il livello del PH, poiché l’obiettivo è quello di rendere l’acqua sicura oltre che “visivamente pulita”.

Ne deriva che delegare questa delicata operazione a chi si occupa per mestiere di manutenzione piscine, ti garantirà un’acqua perfetta pronta per il prossimo tuffo.

ASSISTENZA PISCINA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *